Nokia 8: fotografie al Top con la Google Camera (GCam)

GCam - Nokia 8

GCam – Nokia 8

Premessa: comprare l’ultimo smartphone del momento o un sistema reflex/mirrorless professionale, non farà di te un bravo fotografo. Se, quindi, stai sperando di poter portare a casa scatti sensazionali solo con l’ausilio di uno strumento all’avanguardia, sei fuori strada. Come in ogni cosa, la fotografia è frutto di ricerca, gusto ed occhio; tutti attributi che uno strumento tecnologico non potrà mai sopperire.

Lo scopo di questo articolo, quindi, è mostrarti solo come innalzare il livello qualitativo (nitidezza, gamma dinamica e tenuta ISO) delle tue fotografie da smartphone, ma non di indirizzarti verso scatti di successo; cosa che – peraltro – nemmeno io sono in grado di fare.

Requisiti: Snapdragon ed Hardware Level Support >FULL [No Root]

Pochi giri di parole: per installare la Google Camera (GCam) senza troppe complicazioni, è necessario che il tuo smartphone abbia un processore Qualcomm Snapdragon (più prestante è, meglio è) e che l’Hardware Level Support sia almeno di livello “Full”. Per poter verificare il primo parametro ti basterà fare una breve ricerca delle specifiche del tuo smartphone su Google, ma, invece, per il secondo la cosa si complica: ti toccherà scaricare dal Play Store una app chiamata “Camera2Probe” (vedi link a fine articolo) e verificare con mano il risultato fornito. L’Hardware Level Support non è altro che “l’accesso” che il telefono dà ad applicativi terzi di sfruttare a pieno l’hardware disponibile nello smartphone.

Proviamo con degli esempi: lo Xiaomi Mi A2 viene rilasciato di default con il livello “Legacy“, cioè quello più basso. Ciò significa che – con qualsiasi altra applicazione fotografica di terze parti – non sarà possibile esporre le fotografie in manuale (Manual Exposure) o avere funzionalità per la rimozione degli occhi rossi (Auto Flash Redeye). Il Nokia 8, invece, viene distribuito con il livello più alto, ossia il Level 3; un grosso vantaggio per chi – come me – preferisce usare la Google Camera rispetto al software Stock fornito da HMD Global.

Ci sono modi per cambiare l’Hardware Level Support? Sì. Eseguendo il Root! Non entreremo qui nel merito di questo aspetto, perché lo scopo dell’articolo è solo mettere in luce il funzionamento della Google Camera su Nokia 8.

Di seguito i requisiti che io reputo fondamentali per poter usare in modo performante la Google Camera:

  • Snapdragon: 660, 710, 835, 845, 855
  • Hardware Level Support: Full o Level3 (meglio)
  • Sensore Fotografico: Sony IMX362, Sony IMX258, Sony IMX 355, Sony IMX363 e così via…

Se il tuo smartphone è dotato dei requisiti sopracitati, possiamo procedere.

Come Funziona la GCam?

Qualcuno di voi potrà pensare che entrare nel merito dei tecnicismi della Google Camera sia superfluo, invece non è così. Per poterla usare al meglio, senza avere foto mosse, fuori fuoco o quant’altro, è essenziale che si abbia una piena conoscenza del funzionamento della stessa. Proverò, comunque, a schematizzare il tutto come segue spiegando cosa succede alla pressione del pulsante di scatto:

  • Vengono eseguiti in sequenza: 3, 5, 7, 9, 11, …, 36 scatti (siamo noi a deciderne il numero) della stessa scena; tutti con un diverso livello di esposizione.
  • Gli scatti eseguiti vengono “fusi” (ed è qui che entra in gioco la potenza del processore) in una unica immagine, secondo una tecnica chiamata HDR (High Dynamic Range).

A cosa serve tutto ciò? Ad avere immagini ben leggibili, sia nelle ombre sia nelle alte luci. Immaginiamo, ad esempio, di scattare una foto ad una stanza in cui c’è una finestra. Vien da sé che l’esposizione per la stanza sarà diversa rispetto a ciò che si vede fuori la finestra (c’è più luce!). Come fare, quindi, ad avere una immagine che permetta di vedere chiaramente sia cosa c’è dentro che ciò che c’è fuori? Con un buon HDR. Verrà eseguita una fotografia esposta per la parte interna della stanza (in cui c’è meno luce) ed un’altra per l’esterno (in cui ce ne è di più). Le due immagini verranno unite, facendo sì che entrambe le zone della scena siano ben visibili; cioè correttamente esposte. L’esempio fatto è, chiaramente, semplicistico ed è a puro scopo didascalico; ma il concetto è questo: la Google Camera funziona così.

Qualità vs Usabilità

Giustamente, vi starete chiedendo: perché dovrei scegliere di far eseguire allo smartphone 11 scatti piuttosto che 36? Buona domanda! L’esempio di sopra era fin troppo banale, quindi vi ripropongo, adesso, una scena più complessa: mi trovo in un bar e scatto una foto, dalla finestra, ad un signore che aspetta l’autobus sotto la pensilina. In questa scena abbiamo tre elementi principali con tre illuminazioni diverse (l’interno del bar, cioè dove sono io), il signore sotto la pensilina (una zona d’ombra della scena) e l’esterno (la parte più luminosa). Vien da sé, quindi, che maggiore sarà il numero di scatti eseguiti, migliore sarà l’esposizione per tutti gli oggetti presenti nella scena e, contestualmente, anche la tenuta ISO (alias, livello di rumorosità della foto o “grana”).

Direte voi: beh, allora la cosa migliore da fare è settare la Google Camera per un maggior numero di scatti. Sbagliato! Sebbene così facendo si otterrebbero delle fotografie qualitativamente migliori, è pur vero che – a livello pratico – rischieremmo di avere delle foto mosse o non perfettamente a fuoco. Come già spiegato prima, gli scatti non sono simultanei, ma consequenziali: ciò significa che dalla prima all’ultima foto possono intercorrere anche fino a 5-7 secondi; un lasso di tempo in cui non solo il soggetto (umano o animale) si sarà mosso, ma la vostra mano sarà così tremolante da tirar fuori una foto pessima! In dirittura d’arrivo, la cosa migliore da fare è scendere ad un compromesso: trovare la giusta misura tra usabilità e qualità finale.

Nei paragrafi successivi vi illustrerò i parametri tecnici che reputo migliori per scendere al sopracitato compromesso.

Impostiamo la Google Camera

Per prima cosa dovremo scaricare la Google Camera da questo link (Download Google Camera), ed installare l’apk che si troverà nella cartella Download del nostro telefono come una semplicissima applicazione. La versione suggerita è stata personalmente collaudata da me e posso garantire che con il Nokia 8 funzioni alla perfezione, fatta eccezione per lo Slow Motion che, ad onor del vero, non funziona su quasi nessuno smartphone.

Una volta installata e consentiti tutti i permessi richiesti, dirigetevi su “Altro” ed alla voce “Impostazioni” procedete come segue:

Quick Settings

  • HDR+ Parameters = 15 [impostate 36 se scattate con un treppiede]
  • Autoexposure Compensation = 1/33 [impostate 64 sec. se scattate con un treppiede]
  • Correction NightSight = 2,64 sec.
  • Minimal Smoothing = OFF
  • Exposure Compensation = +0,2 [+0,4 se preferite foto molto luminose]
  • Remove ISO Limit in the Dark = OFF

Foto

  • Risoluzione Fotocamera Posteriore = 13,0 megapixel
  • Risoluzione Fotocamera Anteriore = 13,0 megapixel

Video

  • Bitrate = 50 Mbps
  • Risoluzione Video Posteriore = 4K (30 fps) [se i vostri dispositivi non leggono il 4K, impostate 1080p]
  • Risoluzione Video Anteriore = 4K (30 fps) [se i vostri dispositivi non leggono il 4K, impostate 1080p]
  • Stabilizzazione Video = OFF [non è un errore, la google camera produce un video troppo croppato se stabilizzato]

Guida e Feedback

  • Save Settings = TuoNomeUtente [una volta terminata la configurazione di tutto, tornate qui e salvate i settaggi]
  • Salva Posizione = ON
  • Suoni Fotocamera = OFF
  • Suggerimenti di Google Lens = ON
  • Gesti = Doppio Tocco (Zoom), Tasto Volume (Otturatore)
  • Tipo di Griglia = 3×3 [se non vi piace, toglietela]

Avanzate [Quick Settings]

Base

  • Interface Style = Pixel 3
  • Config = Pixel2018 ZslR Hdr+
  • Back Camera = Pixel 3 XL
  • Front Camera = Pixel 3 XL [impostate Nexus 6P se volete più dettaglio nei selfie, ma con colori più freddi]
  • Final JPG Quality = 100%
  • Saturation = Default, Non Toccare
  • Noise Reduction = Default, Non Toccare
  • Libs = Custom by Xtrme v2s
  • Enhanced HDR+ = ON
  • Remove Zoom = ON
  • Save to /DCIM/Camera = ON
  • Alternative Config = ON
  • Use Flash = ON
  • Motion Function = ON
  • Hide “SlowMo” Mode = ON
  • Enable “Google Photo” = ON
  • Maximum Brightness = ON

Fix 

  • Init SlowMo With = 240 FPS
  • Front Camera = OFF
  • Fix Old WB Gains = ON
  • Pixel III AWB = ON
  • RAW Format = RAW 10 (Default)
  • Viewfinder Format = JPEG
  • Resampling Method = Raisr
  • Viewfinder Processing = ON/ON
  • Motion Photo Resolution = 3840×2160 / 3840×2160

Avanzate [Guida e Feedback]

  • Avviso Obiettivo Sporco = ON
  • Opzione HDR+ = ON
  • Controllo RAW + JPEG = ON
  • Memorizza Video Efficacemente = ON

Una volta impostato tutto come spiegato sopra, dirigetevi alla schermata di scatto e impostate nuovamente come segue:

Fotocamera

  • Movimento Disattivato = ON
  • HDR+ Avanzata = ON
  • RAW = OFF
  • Flash Auto = OFF

Ritratto Posteriore

  • Ritocco Viso = OFF
  • Flash Auto = OFF

Ritratto Frontale

  • Ritocco Viso = OFF
  • Flash Auto = OFF

Bene, che ci crediate o no… siamo pronti per scattare!

Aggiornamenti, Versioni e Differenze

Se non si fosse capito, in questo articolo si parla di una versione “moddata” (cioè, modificata) della Google Camera e non di quella ufficialmente distribuita dal colosso di Mountain View sulle varianti Nexus o Pixel che, ahimè, essendo calibrata ad hoc per i propri dispositivi non è compatibile con terminali di produttori terzi. Il principale sviluppatore della Google Camera compatibile con i nostri terminali è di nazionalità russa e si cela dietro lo pseudonimo di BSG. Troviamo la maggior parte dei suoi lavori (alias, releases) su alcuni forum russi di settore e sul suo canale Telegram.

BSG ha avuto il merito di estrarre il codice sorgente della GCam ufficiale e di riadattarlo per un più ampio numero di smartphone che ne avrebbe potuto beneficiare, ma – come è ovvio che sia – qualche smartphone incompatibile c’è sempre. E’ qui che entrano in gioco altri sviluppatori (i più noti: Arnova, CStark, Tolyan e San1ty) che, apportando delle piccole correttive al lavoro di BSG, rilasciano versioni compatibili con i vari: OnePlus, Nokia, LG e così via. Trovare la versione che meglio funzioni sul proprio terminale non è cosa semplice, ma, per esperienza, posso dirvi che quella di Tolyan009 (proposta al download di sopra) è abbastanza stabile e produce dei discreti risultati sul mio Nokia 8. Ottimi risultati in termini di fluidità si hanno anche con le versioni di Back.Rider, ma si perde qualcosa a livello di qualità.

Quasi ogni giorno vengono rilasciate versioni nuove sul sito celsoazevedo.com dal quale potete scaricare la versione che più si addice al vostro terminale. Tenete a mente, comunque, che i settaggi indicati al paragrafo di sopra potrebbero differire per una diversa versione dell’applicativo. Se non avete, quindi, piena conoscenza del significato di ogni singola voce, sconsiglio l’utilizzo di altre versioni.

Per il momento è tutto. In un prossimo articolo vi proporremo una comparativa sulla qualità delle foto scattate con l’app Fotocamera preinstallata su Nokia 8 (Nokia Camara) e con la Google Cam (GCam) insieme ai link per l’installazione di una versione di quest’ultima per altri modelli di smartphone Nokia.

A voi la parola nei commenti.

Camera2 probe
Camera2 probe
Developer: Tobias Weis
Price: Free


44 Commenti

  1. alex930
    • Francesco Bacchini
      • ☏ alex930
        • Francesco Bacchini
          • Francesco
          • Francesco Bacchini
  2. ☏ TureDos
    • Francesco Bacchini
      • ☏ TureDos
        • Francesco Bacchini
          • ☏ TureDos
  3. ☏ Thugbear
    • ☏ Thugbear
    • Francesco Bacchini
      • ☏ Thugbear
        • Francesco Bacchini
          • ☏ Thugbear
  4. ☏ alex930
    • Francesco Bacchini
      • ☏ Fausto ex Lumia
        • ☏ Fausto ex Lumia
  5. Paolo De Prosperis
    • Francesco Bacchini
  6. ☏ Grandipatenti
    • Francesco Bacchini
  7. ☏ olafnotto
  8. ☏ Thugbear
    • ☏ Thugbear
      • Francesco Bacchini
        • ☏ Thugbear
        • ☏ Thugbear
          • Francesco Bacchini
  9. ☏ Pasquale Mirante
  10. Paolo
    • Francesco Bacchini
      • paolo
  11. Simone
    • Alessio (oissela)
      • Simone
        • Alessio (oissela)
  12. Pietro
    • Francesco Bacchini
  13. Pietro

Aggiungi un commento

Leggi e commenta tutti gli articoli dallaNokioteca App per Android
+