Google Plus punta all’utenza business, la “versione consumer” sarà chiusa in agosto 2019

Google Plus

Google Plus

Per chi non lo conoscesse, Google Plus è il social network dell’azienda di Mountain View costruito intorno al concetto di “cerchia”, una feature che nelle intenzioni di Google avrebbe dovuto aiutare gli utenti a categorizzare i propri contatti sulla base di specifiche relazioni esistenti. Alcuni esempi? Amici, colleghi di lavoro o familiari.

Essendo un servizio Google, l’iscrizione a questo social è abbastanza semplice e immediata ma non si può dire lo stesso dell’esperienza utente offerta e per questo motivo Google Plus rientra tra quei progetti che sulla carta avrebbero dovuto funzionare ma che nella realtà hanno dovuto fare i conti con una concorrenza già ben radicata.

L’esito di questa battaglia è ufficialmente negativo per Google Plus. Con una comunicato pubblicato sul proprio blog, infatti, il colosso delle ricerche online ha annunciato che chiuderà la versione consumer del proprio social network a partire da agosto 2019. Pertanto, se siete degli utilizzatori di tale servizio segnatevi questa data perché rappresenta il termine ultimo entro cui potrete salvare i vostri dati.

Tra le motivazioni che hanno spinto Google a prendere questa drastica decisione c’è anche il riferimento a un bug nelle API, scoperto di recente, che avrebbe permesso agli sviluppatori di terze parti di rubare informazioni private a ben 500 mila account, tutto ciò durante il periodo che va dal 2015 al marzo 2018, mese in cui il bug è stato corretto. Google sottolinea, tuttavia, che non vi siano prove che confermano che tali attacchi siano realmente avvenuti vedendo dunque il bicchiere mezzo pieno. Nel comunicato stampa si descrive, poi, tale decisione come facente parte di un più ampio progetto denominato Project Strobe, il quale ha lo scopo di limitare l’accesso ai dati degli utenti di soggetti terzi.

Per concludere, resta da darvi la buona notizia: il social network non chiuderà definitivamente perché verrà riposizionato tra i social network aziendali e quindi l’utenza business sarà interessata dai futuri sviluppi che, assicurano in Google, metteranno la sicurezza al centro di tutto facendo dunque tesoro della lezione appresa con la versione consumer.

Se avete la sensazione di deja-vu, forse potrà giovare ricordarvi che la settimana scorsa vi abbiamo parlato di come Android One stia avendo maggior successo nella seconda fase della sua vita, grazie proprio ad un riposizionamento operato da Google in accordo con alcuni produttori del sistema operativo inizialmente ideato per la fascia bassa del mercato.

Speriamo, dunque, di potervi tornare ad aggiornare con buone notizie anche sul fronte Google Plus quanto prima.



2 Commenti

  1. ☏ Ivan
  2. metacorporeo

Aggiungi un commento

Leggi e commenta tutti gli articoli dallaNokioteca App per Android
+