Recensione di Nokia 1, lo smartphone Android Go con prestazioni da feature phone

Nokia 1

Nokia 1

Nokia 1 è il primo smartphone Android Go prodotto da HMD Global. Con funzionalità essenziali e un prezzo di vendita contenuto, lo consigliamo solo a chi utilizza il proprio dispositivo mobile soprattutto per ricevere ed effettuare chiamate e a chi fa un uso sporadico di applicazioni e funzionalità avanzate. Come muletto o come telefono cellulare per una persona anziana è perfetto, in tutti gli altri casi riteniamo sia meglio optare per uno smartphone di livello superiore e con un hardware più potente.

Il Nokia 1 è infatti un feature phone travestito da smartphone. Le prestazioni garantite da Android Oreo (Go Edition), il sistema operativo di serie prodotto da Google, sono piuttosto basse tanto che in più occasioni ci siamo chiesti se valesse la pena spendere 99 Euro per avere tutto ciò quando con qualche Euro in più è possibile acquistare dispositivi che offrono un’esperienza d’uso migliore, come il Nokia 2 o il Nokia 3. Ma badate bene: HMD Global non ha colpe in tutto questo. I limiti di Nokia 1 sono imposti dal sistema operativo, ancora non perfettamente ottimizzato per garantire prestazioni accettabili soprattutto per chi è abituato alle alte prestazioni, alla fluidità e all’affidabilità degli smartphone di fascia media e alta.

Design

Anche il design di Nokia 1 è essenziale e semplice. Come potete vedere nelle foto qui sotto, il dispositivo è caratterizzato da una scocca in policarbonato in stile “saponetta” che ricorda molto quello di alcuni dei primissimi Windows Phone come il Lumia 510 e i Lumia 710. Carino il contrasto che si crea tra il colore della back-cover, intercambiabile e disponibile in diversi colori, e il bianco dei tasti fisici laterali e del contorno del display e della fotocamera posteriore. HMD Global ci dice che la cover è stata progettata per durare e “resistere agli urti e ai colpi quotidiani” ma noi riteniamo che sia facile da segnare e rigare (vedi ultima foto della galleria) anche se lo si tiene con cura come facciamo noi con qualsiasi dispositivo che ci viene dato in prova.

Display

Con una diagonale di 4.5 pollici, il display di Nokia 1 è un semplice LCD IPS a basso consumo energetico con una risoluzione pari a 854×480 pixels (FWVGA). Discreto è il trattamento oleofobico così come la resa sotto la luce diretta del sole ma il vetro è piuttosto riflettente e gli angoli di visuale sono molto ridotti. Supporta l’Ambient Display di Android Oreo che permette di mostrare le notifiche in arrivo, peccato però che non disponga di alcuna opzione per rivederle in un secondo momento: le notifiche appaiono, per pochi istanti, solo nel momento in cui giungono sul telefono per poi scomparire senza dare all’utente la possibilità di una seconda occhiata. La luminosità adattiva è piuttosto lenta e non sempre efficace tanto che spesso ci si trova nella condizione di doverla regolare manualmente.

Hardware

La dotazione hardware di Nokia 1 rispetta quelli che sono i requisiti richiesti da Google per l’adozione di Android Go: processore quad-core MediaTek da 1.1 GHz (MT6737M), 1 solo GB di RAM, 8 GB di memoria interna espandibile con micro SD, fotocamera posteriore da 5 Megapixel con flash LED, fotocamera anteriore da 2 Megapixel, e antenne per Wi-Fi 802.11 b/g/n, Bluetooth 4.2 e per la connettività 4G LTE. Per il collegamento con il PC e la ricarica della batteria c’è invece una porta micro USB (USB 2.0) mentre per il collegamento con le cuffie e per utilizzare la Radio FM integrata c’è il jack da 3,5 mm.

Come potrete ben capire, questo hardware garantisce prestazioni di basso livello tanto che, come detto all’inizio, il Nokia 1 può essere considerato un feature phone di fascia alta con le sembianze e alcune caratteristiche tipiche di uno smartphone. Offre inoltre un doppio slot per l’inserimento di una SIM secondaria ma, come per la micro SD, per inserirla o rimuoverla occorre necessariamente rimuovere la batteria (e dunque spegnere il telefono).

Fotocamera

La qualità di foto e video che si ottiene dalle due suddette fotocamere è in linea con quanto viene offerto dai dispositivi mobili attualmente venduti a circa 100 Euro. Come potete vedere negli esempi qui sotto, in condizioni di luce favorevole e nelle giornate soleggiate si ottengono scatti accettabili mentre quando la luminosità cala c’è un sensibile deterioramento della qualità. Insomma, Nokia 1 non è indicato per immortalare i momenti più belli della propria vita ma può comunque risultare utile per qualche foto occasionale.

Scordatevi il punta e scatta per cogliere l’attimo in quanto l’avvio della fotocamera, anche premendo il tasto di accensione due volte, è spesso lento. Anche la messa a fuoco manuale di oggetti vicini è praticamente inutile e il flash non migliora più di tanto la resa finale dello scatto.

Dalle Impostazioni dell’app Fotocamera, prodotta da HMD Global, è possibile scattare foto in modalità “Panoramica”, con l’effetto “Ritocco” (per attenuare le imperfezioni del viso), con o senza l’HDR e in formato 16:9 ma solo se si sceglie la risoluzione a 4 o 2 Megapixel per la fotocamera posteriore e a 0,9 Megapixel per quella anteriore. Le registrazioni video, invece, possono essere registrate con una risoluzione HD da 720p o SD da 480p oppure scegliendo l’opzione time-lapse.

Sistema, prestazioni e usabilità

Nonostante HMD Global dichiari che Android Go consente al Nokia 1 “di operare in modo fluido e reattivo” la nostra esperienza ci porta ad affermare che nell’uso quotidiano questo dispositivo può risultare snervante. L’apertura delle applicazioni (e di alcune funzioni di sistema) non è sempre istantanea, la ripresa delle app dal background è spesso lenta e gli impuntamenti, soprattutto quando si scrollano la pagine web, i feed delle app dei social network e gli elenchi con tanti elementi, sono frequenti. Anche il download e l’installazione o l’aggiornamento delle app dal Play Store è rallentato.

Con un minor numero di app preinstallate, su Android Oreo (Go edition) si beneficia del doppio dello spazio rispetto ad Android Nougat: come potete vedere in questo screenshot, infatti, il sistema operativo occupa solo poco più di 3 GB nella memoria interna lasciando i restanti 5 GB (più o meno) liberi per file, documenti ed applicazioni. Tra le defezioni segnaliamo quella della schermata Google (con il campo per le ricerche sul web, il meteo e il feed delle notizie) sostituita dall’app Google Go con il relativo widget nella home che però non può essere rimosso o riposizionato a proprio piacimento: tra tutte le app in versione Go prodotte da Google questa è comunque quella migliore, a nostro parere.

Segnaliamo inoltre che nel momento in cui scriviamo l’Assistente Google non è disponibile in lingua italiana (probabilmente lo sarà in futuro) e che per la navigazione satellitare è obbligatorio installare l’app Google Map in versione completa in quanto Maps Go funge solo da stradario e per la visualizzazione delle mappe.

Insomma, l’ottimizzazione di Android Oreo da parte di Google per rendere tutto più leggero e per garantire un minor consumo dei dati è apprezzabile ma, forse, sui dispositivi con 1 solo GB di RAM e precessore di basso livello tutto questo non basta per garantire efficienza e un’esperienza d’uso accettabile nel 2018. Ad onor del vero dobbiamo comunque dire che le applicazioni ottimizzate per Android Go oppure quelle “lite” (come Facebook Lite) sono più efficienti e offrono comunque un’usabilità migliore rispetto a quelle “standard” ma allo stesso tempo affermiamo che i crash non sono rari (vedi gli screenshot qui sotto) e che quando sono attive due o più app, anche in versione lite, il sistema risulta più lento e appesantito.

Per quanto riguarda l’utilizzo di Nokia 1 come telefono cellulare non abbiamo nulla da dire: il segnale di rete, a Milano con scheda Wind, è stabile ed efficiente, l’audio in capsula così come quello diffuso dall’altoparlante ha una qualità più che discreta, e le suonerie predefinite del telefono (tra cui il mitico Nokia Tune) suonano forte e chiaro.

Batteria e autonomia

La batteria di Nokia 1 è da 2150 mAh. E’ removibile, garantisce un’autonomia di circa 1 giorno e mezzo con un uso moderato e si ricarica dal 20 al 100% in poco più di 1 ora e mezza.

Curiosità e info utili:

  • Le app in versione Go preinstallate sono: Assistente Go, Files Go, Google Go, Gmail Go e Maps Go.
  • In Impostazioni, Audio, Avanzate è possibile attivare l’opzione “Ottimizzazione suono” che permette di potenziare il volume dell’altoparlante
  • Per aprire “più velocemente” l’app fotocamera è possibile utilizzare il tasto di accensione, previa attivazione dell’apposita funzione in Impostazioni, Sistema, Gesti.
  • Per l’inserimento delle due nanoSIM e della microSD è necessario rimuovere la batteria
  • La confezione di vendita include anche un paio di cuffie (oltre al cavo dati e al caricabatteria da parete).
  • Nel momento in cui questa recensione è stata realizzata (3 maggio), il Nokia 1 risulta fermo alla patch di sicurezza del mese di gennaio 2018.

Se vuoi saperne di più ma soprattutto desideri vedere il Nokia 1 in azione riproduci il video qui sotto, e se alla fine ti viene il desiderio di acquistarlo considera questa offerta di Amazon.


Scopri le offerte

6 Commenti

  1. ☏ Olafnotto
  2. ☏ gilberto6666
  3. ☏ gilberto6666
  4. ☏ alex930
  5. ☏ Pasquale Mirante
  6. ☏ Fabio

Aggiungi un commento

Leggi e commenta gli articoli di Nokioteca dalla nuovaApp per Android
+