Sviluppare per Symbian e Windows Phone rende la metà rispetto a iOS e Android

Uno, se non l’unico, dei punti di forza dei principali concorrenti di Nokia tra i produttori di smartphone, ovvero Apple e Android, riguarda la varietà e la quantità di contenuti pubblicati e resi disponibili per gli utenti nei rispettivi store. Il motivo, facilmente intuibile, è certificato dalla quarta edizione del Developer Economics pubblicato dal sito web VisionMobile, secondo il quale creare contenuti per i due ecosistemi equivale a guadagnare circa il doppio rispetto alle piattaforme concorrenti.

La ricerca si basa su un sondaggio su larga scala tra 3.460 sviluppatori in 95 paesi: nel questionario gli sviluppatori potevano esprimere più di una risposta alla domanda per quale piattaforma preferissero sviluppare. Il risultato vede al primo posto iOS con il 48% delle preferenze, seguito da Android con il 44% e BlacBerry al 38%. Windows Phone resta al 27% (stesso risultato del report 2012), mentre Symbian è fermo ad un modesto 16%.

Per gli intervistati iOS è ancora la piattaforma migliore, rispetto ad Android, per quanto riguarda il supporto, le potenzialità di guadagno, la ricerca di applicazioni e l’ambiente di sviluppo, mentre Android viene preferita per i minori costi di sviluppo e una curva di apprendimento migliore. Mentre per Symbian lo sviluppo è ostacolato dall’annuncio di Nokia che ne garantisce il supporto fino al 2016, per Windows Phone l’impasse è dettato da una sorta di attesa per le risposte del pubblico verso i device Windows Phone 8. Insomma, è un cane che si morde la coda: più successo presso il pubblico significa più sviluppo e maggiori contenuti; maggiore scelta di app e giochi significano maggiori vendite.

In questo panorama, quindi, l’unica che può rompere gli equilibri, grazie soprattutto a Nokia, è la piattaforma Windows Phone. Il gradimento del pubblico e il successo nelle vendite dei device di casa Microsoft potranno cambiare le carte in tavola, polarizzare l’interesse degli sviluppatori e innescare un circolo virtuoso che potrebbe portare Windows Phone ad interpretare quel ruolo di terzo incomodo tra i produttori di smartphone a livello mondiale, obiettivo dichiarato da tempo da Stephen Elop e dal management dell’azienda finlandese.

Grazie a tano_mini per la segnalazione

Tabella preferenze di sviluppo per ecosistemi mobile



47 Commenti

  1. Vlad
    23 Gennaio 2013
    • N8 Michele
      23 Gennaio 2013
      • digable
        24 Gennaio 2013
  2. g-fr3nk
    23 Gennaio 2013
    • Riccardo
      24 Gennaio 2013
  3. ste
    23 Gennaio 2013
    • Ivan
      24 Gennaio 2013
      • ste
        24 Gennaio 2013
  4. Il.Socio
    23 Gennaio 2013
    • ste
      24 Gennaio 2013
      • Il.Socio
        24 Gennaio 2013
        • ste
          24 Gennaio 2013
          • Wendez
            24 Gennaio 2013
          • ste
            24 Gennaio 2013
        • Visual1993
          24 Gennaio 2013
  5. Gabriele
    24 Gennaio 2013
  6. 2eu5
    24 Gennaio 2013
    • Alberto
      24 Gennaio 2013
    • chetiserve
      24 Gennaio 2013
      • Alberto
        24 Gennaio 2013
    • Visual1993
      24 Gennaio 2013
  7. Luca X
    24 Gennaio 2013
  8. Daniele
    24 Gennaio 2013
    • dj U.G.
      24 Gennaio 2013
  9. stig
    24 Gennaio 2013
    • Alberto
      24 Gennaio 2013
    • Visual1993
      24 Gennaio 2013
      • Alberto
        24 Gennaio 2013
      • ste
        24 Gennaio 2013
    • Ste796
      24 Gennaio 2013
    • ste
      24 Gennaio 2013
    • pika99
      25 Gennaio 2013
  10. Ste796
    24 Gennaio 2013
    • metacorporeo
      24 Gennaio 2013
    • The Obscure Rider
      24 Gennaio 2013
  11. Enzonavig
    24 Gennaio 2013
    • ste
      24 Gennaio 2013
  12. cristian
    24 Gennaio 2013
  13. Disneyone
    24 Gennaio 2013
  14. s_hornet79
    24 Gennaio 2013
  15. selex77
    24 Gennaio 2013
    • Visual1993
      24 Gennaio 2013
  16. Babilon xv
    24 Gennaio 2013
  17. andrea_rumba
    25 Gennaio 2013
    • pika99
      25 Gennaio 2013
      • andrea
        25 Gennaio 2013
  18. EneaP
    26 Gennaio 2013

Aggiungi un commento