Nokia implementa un nuovo protocollo per ottimizzare le connessioni da cellulare

INdT-Brazil

INdT-Brazil

Il forte incremento dell’accesso a internet da dispositivi portatili registrato negli ultimi anni, ha orientato la ricerca delle aziende produttrici di cellulari e degli operatori telefonici verso l’adozione di nuove tecnologie che migliorino la stabilità delle reti e delle connessioni, con l’obiettivo di portarle a livelli paragonabili a quelle delle linee via cavo come l’ADSL.

L’INdT (Instituto Nokia de Tecnologia) brasiliano, uno dei tanti centri di ricerca di Nokia sparsi per il globo, in collaborazione con multinazionali del calibro di Ericcson e Cisco, ha sviluppato un protocollo di comunicazione che riduce le risorse necessarie a stabilire e mantenere una connessione dati tra la cella e il singolo dispositivo, si tratti di un cellulare, un tablet o un laptop.

L’esperienza online di navigazione in situazioni di movimento, come nel caso di un viaggio in treno, può essere compromessa dall’instabilità della connessione Internet mobile. Durante lo spostamento, col passaggio attraverso più celle, si verifica un aggiornamento di presenza per ogni transizione da una cella all’altra. Molti di questi aggiornamenti, se richiesti da molti utenti contemporaneamente e in breve tempo, possono creare colli di bottiglia col risultato di rallentare vistosamente la velocità di connessione.

Bulk Binding Update Support for Proxy Mobile IPv6, questo il nome del progetto, si propone di incorporare i terminali presenti nella stessa cella ed eseguire un aggiornamento singolo piuttosto che, come avviene attualmente, aggiornare individualmente ogni terminale collegato alla rete mobile. “Ciò riduce la domanda di risorse degli operatori, riduce i costi e migliora la qualità del servizio agli utenti, offrendo un’esperienza di connessione più coerente”, come spiega la responsabile del progetto Fuad Abinader.

L’adozione di questa tecnologia da parte dei produttori di apparecchiature di rete è opzionale e avverrà gradualmente e sarà disponibile per l’acquisto inizialmente per gli operatori brasiliani a partire dalla fine del 2012, per essere estesa successivamente ad altri paesi.

“Questo è un risultato senza precedenti per la INdT, e una tappa importante per noi brasiliani. Si tratta di una tecnologia progettata nel paese che verrà applicata in tutto il mondo. Il nostro contributo dimostra la qualità dei nostri progetti con il riconoscimento da parte della comunità industriale e scientifica internazionale”.

Scopri le offerte

3 Commenti

  1. riki95
    • Riccardo
      • denni1327

Aggiungi un commento

Leggi e commenta gli articoli di Nokioteca dalla nuovaApp per Android
+