Le nostre telefonate sotto l’orecchio di tutti

Le nostre telefonate sotto l'orecchio di tutti

Le nostre telefonate sotto l'orecchio di tutti

Negli ultimi tempi si sente spesso parlare di violazione della privacy legata a intercettazioni telefoniche in campo politico e giudiziario. Ma avete mai pensato, durante una conversazione con un vostro familiare o con un amico, alla possibilità che qualcuno vi possa ascoltare? Se finora dormivate sonni tranquilli, pensando che era tutta fantascienza e sicuri della vostra privacy, oggi non più!!!

La comune rete GSM mondiale gestita dalla GSM Association, si compone di diversi algoritmi di protezione per la nostra sicurezza personale. Tra questi ci sono quelli relative alle chiavi di cifratura che utilizzano un algoritmo a 64bit che risale, pensate, al lontano 1988 e ritenuto sicuro (per quegli anni) per criptare le conversazioni.

Diverse settimane fa Karsten Nohlha, un giovane ricercatore tedesco, ha dimostrato quanto questo sistema sia fragile e insicuro. Con l’aiuto di alcuni esperti informatici, sembrerebbe che abbia trovato, generando un elevato volume di combinazioni casuali, la chiave di accesso che consente di decifrare le telefonate su rete mobile.

Questa dimostrazione, come sottolinea Nohlha, è puramente accademica, e ha lo scopo di evidenziare tale debolezza. Fin qui niente di scandaloso, se non per il fatto che lo stesso Nohlha abbia reso disponibile tale codice su internet, attraverso la condivisione Peer-to-peer sotto forma di file *.torrent. Avete letto bene!!! La chiave per decodificare le chiamate di tutto il mondo è compressa in un file, ed è disponibile al download da chiunque. Inutile parlarvi dei provvedimenti legali scattati in seguito a questo gesto, e proprio per questo motivo, tutte le informazioni legate a tale file sono nascoste dal ricercatore.

Sembrerebbe che in diverse situazioni la stessa GSM Association abbia indagato su questa debolezza del sistema, e abbia richiesto ai gestori telefonici di sostituire gli algoritmi con quelli più nuovi e più sicuri. I gestori, a quanto pare, non non hanno badato a tali richieste e ora tutti noi corriamo il rischio di essere intercettati da individui che per legge non potrebbero farlo. Pensate, infatti, che chiunque abbia in mano il file torrent e il relativo programma che ne consente la lettura, può attualmente ascoltare ogni nostra conversazione telefonica.

Tutto ciò è alquanto inquietante, non credete??

Scopri le offerte

2 Commenti

  1. m@lbono
    • Martin

Aggiungi un commento

Leggi e commenta gli articoli di Nokioteca dalla nuovaApp per Android
+